per vedere la diretta

 

Carissimi amici, nella nostra fraternità di Terlizzi è in arrivo la diciannovesima tappa del recital acustico per il Sinodo della famiglia e il Giubileo della Misericordia.
L’autore è Davide Zanelli, classe 1968: collaboratore di Casa Betlemme, insieme alla moglie Marina Bicchiega è tra gli oblati dell’opera. Cantautore per diletto, ha costruito un esperimento di nuova evangelizzazione.
L’appuntamento è per sabato 4 novembre alle ore 21 presso il Salone del Cantico della nostra fraternità di Terlizzi (via Pasquale Fiore 143).
L’autore (voce e chitarra acustica) sarà accompagnato dalla regia di Andrea Artini e Marina Bicchiega con la partecipazione di Cinzia Calusi (danzatrice).

Di seguito una breve intervista a Davide Zanelli

Com’è nato il tuo progetto di evangelizzare con la musica?
In realtà il mio non è un concerto né uno spettacolo. L’ho ideato come una catechesi in
forma spettacolare e multimediale: un recitativo per voce e chitarra, con immagini e testi
su un grande schermo. Volevo dare la mia piccola risposta personale ad un invito rivolto
dal Sinodo al n. 78 dell’Instrumentum Laboris. Così ho usato il linguaggio artistico per
parlare del capitolo più incompreso del Magistero, quello dell’amore coniugale: distillando
in poesia e canzone ciò che ho imparato in vent’anni di matrimonio cristiano alla scuola di
Casa Betlemme.

Quali i contenuti che vengono trattati nei vari testi?
Sono novanta minuti senza intervallo, con dieci intermezzi musicali. Ogni canzone riassume
una meditazione che la precede. Parlo del rapporto tra creatura e Creatore, della nostra
dignità di persone. Della relazione tra Gesù e sua Madre. Osservo la fragilità dell’amore
umano e la sua vocazione alla grandezza, la bellezza della sessualità nel progetto di Dio. La
potenza della grazia sacramentale e la cultura dello scarto. Il filo della riflessione parte
dalla Divina Misericordia e lì ritorna. Tra le righe c’è un omaggio a figure giganti che hanno
nutrito il mio cammino: dalla psichiatra Połtawska al genetista Lejeune, alla ginecologa
missionaria Anna Cappella. Sopra tutti S. Giovanni Paolo II e la sua teologia del corpo. E la
Madonna con i tre patroni di Casa Betlemme: Francesco d’Assisi, Caterina da Siena e
Teresa di Lisieux.

Quest’esperimento di nuova evangelizzazione ha dato frutti e lo stai portando nelle
chiese in giro per l’Italia. Quale riscontro percepisci al termine delle serate?
Sì, l’esperimento sta funzionando bene. Dopo le prime date in città, ha preso il largo e sono
arrivati inviti da fuori diocesi e in altre regioni. In un anno e mezzo abbiamo fatto già
quindici date per diverse realtà ecclesiali. L’iniziativa risulta originale ed è stata apprezzata
da intellettuali e persone semplici, sposi e famiglie ferite, dal mondo accademico e da
quello pastorale. Il riscontro più toccante me l’hanno dato una ragazzina down e una sposa
abbandonata.

La tua testimonianza porta il marchio di Casa Betlemme, la storica opera fondata
dall’ostetrica Flora Gualdani impegnata da mezzo secolo nel fronte pro life e nella
pastorale della famiglia. Qual è la sua missione?
Il carisma di questa realtà si riassume in un messaggio di profonda armonia tra fede,
scienza e cultura, centrato sulla contemplazione del mistero dell’Incarnazione. Il mio recital
è espressione di questo stile e s’inserisce nel Wolokita Project, il ramo artistico del
movimento culturale di Casa Betlemme.

La figura di San Francesco d’Assisi che posto ha in questa catechesi?
Un intero brano è ispirato a lui. Il tocco francescano è nello sguardo contemplativo sul
creato, è nella semplicità delle mie canzoni e nella povertà del progetto. Cioè totale
gratuità e sacrificio personale in un impegno che va oltre il volontariato. E’ un piccolo
apostolato itinerante a dimensione familiare: lo porto avanti grazie al supporto di moglie e
figlie che curano mixer, tastiera e slides. E ogni tanto qualche amico che si aggrega ad una
tappa dell’avventura.

Locandina recital

Programma recital

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: